Il tempo di esposizione? Come funziona e l’applicazione!

IL TEMPO DI ESPOSIZIONE È UN ARGOMENTO CHE SPAVENTA PARECCHI, SOPRATUTTO CHI È ALLE PRIME ARMI, MA NON PREOCCUPATEVI SIAMO QUI PER CHIARIRVI OGNI DUBBIO!

In realtà capire che cosa sia il tempo di posa è molto più semplice di quel che pensiate. Il tempo di posa è uno dei tre parametri che, insieme ad apertura del diaframma e sensibilità ISO del sensore, determina l’esposizione di uno scatto. Questo articolo ti servirà sopratutto se sei stanco di lavorare in automatico e vuoi davvero imparare a padroneggiare la fotocamera!

Nel dettaglio il tempo di posa (tempo d’esposizione, tempo d’otturazione o tempo di scatto, chiamatelo come preferite!) è il tempo in cui l’otturatore rimane aperto, permettendo alla luce di raggiungere il sensore e dando vita a quella che diventerà la nostra fotografia. Più lungo è l’intervallo di tempo in cui l’otturatore rimane aperto maggiore è la quantità di luce che entra. Il tempo si misura in secondi o in frazioni di secondo (ad esempio 4’’ o 1/125 s).

Usare il tempo di esposizione giusto è fondamentale per due fattori importantissimi della nostra foto:

  • luminosità 
  • effetti fotografici, che possiamo ottenere sottolineando il movimento oppure congelando l’azione.

Prendi la tua fotocamera e inizia a scattare per toccare con mano i risultati, imposta la fotocamera in modalità manuale (M) o in priorità dei tempi (Tv) e metti gli scatti a confronto, potrai vedere subito la differenza a seconda dei tempi di posa che hai impostato. La tua foto potrebbe essere troppo luminosa o troppo scura, oppure i soggetti in movimento potrebbero essere mossi o perfettamente a fuoco.

QUAL È LA DIFFERENZA TRA UN TEMPO DI ESPOSIZIONE TROPPO BREVE E UNO TROPPO LUNGO?

TEMPO LUNGO = EFFETTO CREATIVO: un tempo di esposizione lungo va da 1/30 (un trentesimo di secondo) in su 1”, 2”, 3″ . Se il soggetto si muove, con un tempo lungo verrà evidenziato il movimento. Bisogna ovviamente cercare di capire il tempo migliore in base a ogni situazione, alla velocità in cui si muove il soggetto e all’effetto che si vuole ricreare. Un tempo molto lungo può essere utilizzato per gare di auto, moto o in generale nella fotografia sportiva (ad esempio nella tecnica del Panning) ma anche per paesaggi notturni o cascate.
In questi casi è necessario l’uso di un treppiede per evitare eventuali movimenti della fotocamera.

TEMPO BREVE = CONGELARE IL MOMENTO un tempo di posa veloce può essere 1/125, 1/250, 1/500 e così via. Se stiamo fotografando un soggetto in movimento, dobbiamo impostare un tempo breve per evitare che la foto venga mossa; più è rapido il movimento, più breve dovrà essere il tempo che andremo a impostare. Ricordiamoci anche che, riducendo il tempo di posa, la foto può risultare meno luminosa. 💡

Per approfondire le fotografia sportiva e le tecniche leggi il nostro articolo ➡ http://rxmn.it/fospo
In questo scatto è stato utilizzato un tempo breve per congelare il movimento

FACCIAMO IL PUNTO

Il modo migliore per capire il tempo giusto è quindi semplicemente scattare, scattare e scattare, ricordandoci che il tempo di esposizione è solo uno dei tre fattori fondamentali che vanno combinati per ottenere la migliore esposizione, gli altri due sono il diaframma e la sensibilità ISO, di cui parleremo nel dettaglio più avanti.

Fondamentale per selezionare bene il tempo di posa è decidere se congelare il movimento o accentuarlo, in base al risultato che si vuole ottenere. Solo tu puoi fare la differenza!

Utilizza in modo più creativo possibile la tua fotocamera, fai pratica e i tuoi scatti miglioreranno sicuramente! 😎

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *