Il diaframma

CERCHIAMO DI CAPIRE INSIEME COME SCEGLIERE I PARAMETRI PER AVERE L’ESPOSIZIONE IDEALE, ABBIAMO GIA’ PARLATO DEL TEMPO DI ESPOSIZIONE, ORA VEDIAMO NEL DETTAGLIO IL CONCETTO DI DIAFRAMMA.

Per approfondire il tempo di esposizione, puoi leggere il nostro articolo -> https://ilblogdireflexmania.it/cose-il-tempo-di-esposizione/

Se vuoi migliorare la qualità delle tue foto, una delle tappe fondamentali è comprendere il concetto di diaframma fotografico.
Il diaframma è uno dei tre punti chiave su cui si basa la fotografia, insieme al tempo di esposizione e agli ISO. Dobbiamo combinare questi 3 elementi per ottenere una foto esposta correttamente.

CHE COS’È IL DIAFRAMMA?

Iniziamo col dire che il diaframma è un elemento meccanico che si trova all’interno degli obiettivi, serve per regolare la quantità della luce che attraversa l’obiettivo.

Si presenta come un insieme di lamelle a ventaglio che chiudono l’apertura del sistema ottico, si sovrappongono a circoscrivere un foro, di cui possiamo regolare l’ampiezza, anche se, come anticipato il diaframma si trova all’interno dell’obiettivo, possiamo controllarlo dal corpo macchina.           

La forma e la quantità delle lamelle, dovrebbe rendere la figura del foro quanto più rotonda o circolare possibile, ma spesso una quantità inferiore a 10 lamelle, fa si che si crei una figura poligonale visibile soprattutto nei punti luce fuori fuoco creando l’effetto bokeh.

VUOI SCOPRIRE COME RENDERE IL BOKEH FANTASTICO NEI TUOI SCATTI?

Ci sono anche ottiche con diaframmi particolari, con 2 o 3 lamelle per esempio, che rendono effetti ottici diversi e creativi.

PERCHÈ IL DIAFRAMMA È IMPORTANTE

Il concetto di diaframma è fondamentale perchè cambiandone il valore, possiamo determinare la quantità di luce che arriva al sensore della nostra fotocamera, e quindi la luminosità dell’immagine. Maggiore è l’apertura (valori di F che vanno da 1.2, 1.4, 2) , maggiore è la quantità di luce che entra.

Fondamentale quindi è una grande apertura quando ci troviamo in ambienti poco luminosi mentre se ci troviamo in ambienti molto luminosi sarà opportuno limitare la quantità di luce che raggiunge il sensore riducendo l’apertura del diaframma.
Diminuendo l’apertura diminuisce la luminosità generale della foto.

Il diaframma influisce anche nella profondità di campo, vediamo insieme come.
La profondità di campo di una fotografia è la zona che il nostro occhio percepisce come nitido, cioè in cui gli oggetti nell’immagine appaiono ancora nitidi nonostante il piano a fuoco sia solo uno.
In pratica più il diaframma è chiuso più aumenta la profondità di campo e l’immagine che andremo ad ottenere sarà più nitida. Al contrario, invece, più apriamo il diaframma, più riusciamo a spostare l’attenzione e la messa a fuoco su un punto preciso della scena, ottenendo quindi una sfocatura sullo sfondo, che possiamo usare in maniera creativa, questa e’ un ottima tecnica per il ritratto!

COME GESTIRLO AL MEGLIO

L’apertura del diaframma si calcola utilizzando un’unità di misura particolare, che è data dal rapporto tra la focale dell’obiettivo e il diametro del diaframma e si indica con la lettera F (cioè rapporto focale). Troviamo la lettera F anche su tutti gli obiettivi, in questo caso il numero indicato rappresenta l’apertura massima del diaframma.

I possibili valori dell’apertura si distribuiscono lungo una scala che segue una progressione geometrica:
f1, f1.4, f2, f2.8, f4, f5.6, f8, f11, f16, f22, f32…questi valori sono chiamati comunemente STOP, dobbiamo tenere a mente una cosa fondamentale:

  • STOP basso (f1, f1.4, f2…) = grande apertura 
  • STOP alto (f16, f22, f32…) = piccola apertura 

Se scendiamo lungo la scala (ovvero andiamo ad aumentare l’apertura), ad ogni stop la quantità di luce che entra nell’obiettivo viene raddoppiata, perchè come specificato prima questi valori sono il frutto del rapporto tra la lunghezza focale dell’obiettivo e il diametro del diaframma.

Per poter avere il controllo del diaframma, dobbiamo impostare la macchina fotografica in modalità M = manuale (dove abbiamo il pieno controllo di tutti i parametri) o in A, Av = priorità di apertura diaframma (dove possiamo impostare il diaframma e la macchina penserà al resto).

Se hai bisogno di una guida dettagliata sulle varie modalità di scatto controlla l'articolo -> LA RUOTA MAGICA https://ilblogdireflexmania.it/la-ruota-magica/, dove spieghiamo nel dettaglio tutte le funzioni.

Speriamo di averti chiarito le idee sulla questione diaframma, abbiamo visto insieme quanto è importante sia per la luminosità sia per la profondità di campo della foto e quanto influenza la resa finale.
Non ti resta che iniziare a scattare e provare le varie aperture per capire come utilizzare al meglio questo grande alleato, ora tocca a te! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *